Opera Commons

opera-commons-830x480

Opera Commons è un laboratorio urbano ideato e diretto dall’associazione Uber, coordinata dalla sociologa Tiziana Nicolosi.

Il progetto Opera Commons nasce dall’intenzione di recuperare uno spazio architettonicamente ed esteticamente pregno di personalità e di identità storica in stato di abbandono, per metterlo al servizio di un nuovo utilizzo socio-culturale. Il progetto si evolve in connessione a pratiche di sostenibilità ambientale ed economica, con l’obiettivo di stimolare l’incontro e la collaborazione tra artisti, creativi, docenti, lavoratori professionisti, soggetti in formazione, organismi attivi sul territorio nazionale.

Opera Commons è anche la rassegna, parte del progetto più ampio, che prende avvio a novembre del 2014. Partner delle diverse edizioni: Uber – Rigenera – Rigenera Press – Uber Addicted – Get Da Rifle! – Balloon – Eidocracy – OutSiders – Feminine – Rocket From The Kitchen – Golden Catrame – Le tre C – I Sapurusi – Marino Vazzana&Team – Rivoluzione Culturale – Attilio Cappellani – OC Press – Reverb Booking – Radio Lab – Studio Marco Alì – Ylenia D’Alessandro/Gianguido Cucè.

L’associazione Uber che ha l’immobile in comodato d’uso, è una onlus avente come mission la prevenzione e il sostegno nel campo del disagio e il lavoro sul benessere individuale-comunitario, a tal fine lavora nel campo della progettazione di interventi psico-sociali, della formazione; della strutturazione di percorsi laboratoriali fondati sull’uso di strumenti tecnico-espressivi quali il video, la scrittura, la pittura, il teatro sociale, la lavorazione della cartapesta, della ceramica, il fotolinguaggio, il feldenkrais, la graphic novel, l’home recording, etc; dell’organizzazione di festival della fotografia istantanea e del cortometraggio; della facilitazione dell’incontro-scambio tra istituzioni educative, operatori culturali, artigiani, figure professionali provenienti da diversi ambiti, che hanno nel tempo, collaborando con Uber, conferito all’associazione un carattere esplorativo, sperimentale, che rende la realtà al centro di una ricerca-azione dinamica e aperta nell’approccio teorico e metodologico.

Per il ciclo formativo Opera Commons_Lab, è stato progettato e organizzato da Uber e Ballon / Contemporary Art and Publishing, il workshop “Room#0”, nel mese di giugno del 2015, percorso che ha fornito ai partecipanti le competenze utili per elaborare una riflessione teorico/operativa sulla riattivazione di uno spazio. Il laboratorio, infatti, ha approfondito il fenomeno della rigenerazione architettonica del costruito per nuove destinazioni d’uso attraverso una metodologia di realizzazione condivisa.

Un’altra delle proposte formative che ha riguardato Opera Commons è quella del corso di restauro ligneo avviato da Uber a inizio ottobre del 2015.

Opera Commons prende vita in occasione del primo evento artistico – culturale ‘1789 Opera Commons’ sviluppato in data 23/06/2013, dall’Associazione Uber, il Teatro coppola, L’Arsenale di Catania e il Teatro Pinelli di Messina. Un’antica dimora di famiglia che si fa dimora comune. Stanze di visioni, parole, musiche, teatro, cucina, installazioni. Memorie. Aperte l’una sull’altra. ‘Una casa disabitata, sita ad Aci Bonaccorsi, che si apre e si lascia attraversare, rivisitare, reinventare, dai tanti fili delle memorie personali che si fanno rappresentazione di una memoria che vuole essere comune. Questo il tema del primo appuntamento che ha caratterizzato e definito l’azione performativa degli artisti e dei creativi coinvolti. La memoria privata di una famiglia, di un luogo, che si apre a quella pubblica, individuale, collettiva, per riproporla nelle forme dell’arte, nel racconto contestuale che plasma nuova anima, nuovo sentire, nuovo produrre.’

 

‘L’immobile insistente sulla porzione di territorio confinante con le vie Pauloti e via Verga ed all’in­terno con terreni di altra proprietà, si configura come peculiare ed interessante esempio di Casale borghese a carattere colonico a servizio di un latifondo, di consistente estensione. La costruzione e le successive modifiche sono intercorse tra la fine del 700 e la seconda metà dell’800, come testimoniano i diversi stili, le diverse tecniche costruttive e qualche testimonianza certa, come la data 1789 incisa su uno degli elementi in pietra lavica che decorano il timpano posto nel fronte corto a sud-ovest o il portale di ingresso costituito da due elementi a sezione quadra con decora­zioni di evocazione corinzia caratterizzate da foglie di acanto in stile proto-liberty (tardo 800 inizi 900).

L’impianto dell’edificio principale cui probabilmente erano annessi altri fabbricati limitrofi, ha un impianto lineare a “T” allungata in senso longitudinale in direzione nord-est, sud-ovest parallela­mente alla via Pauloti. Sulla parte allungata si distribuiscono specchiandosi sull’asse centrale, una sequenza di ampi saloni con funzione di rappresentanza che affacciano sulla parte di giardino avente funzione di ingresso con accesso diretto dalla via Pauloti. Sulla parte interna invece si sussegue una articolata serie di locali destinati a servizi igienici, magazzini, ripostigli etc. In testa alla “T” invece si distribuiscono una zona notte completa di servizi e ripostigli con affaccio sul giardino di ingresso, ed una grande cucina ed un magazzino con affaccio sul frutteto retrostante. Tra queste zone al centro una piccola scala da accesso ad alcuni locali tecnici posti ad un livello superiore e che danno accesso a due livelli di terrazza realizzati (probabilmente) come punto di osservazione del latifondo. Tra questi trova spazio un suggestivo ambiente areato che separa le volte reali dalla sovrastante terrazza realizzata con travi in ferro a “doppio t “e voltine di mattoni realizzate in epoca più recente a sosti­tuzione di una probabile precedente copertura tradizionale a falda con orditure e coppi siciliani. In questo spazio è possibile osservare la pregevole tessitura muraria detta “ntosta” costituita da conci squadrati di pietra lavica con ricorsi in mattoni pressati in cotto.

I locali nobili sono sovrastati da volte reali a padiglione, decorate con motivi neoclassici. Di no­tevole pregio quello realizzato nell’ampio vano di ingresso di ispirazione agreste, realizzato ipote­ticamente per fini “commerciali” a rappresentare la produzione agricola. Questo ambiente è stato strategicamente ubicato al centro in modo da renderlo nodo distributivo di tutte la parti/funzioni dell’immobile. Gli ambienti di servizio sono invece caratterizzati da volte a botte, con altezze diverse, la maggiore delle quali insiste sull’ampio locale destinato a cucina. Quest’ultimo era certamente dimensionato per una produzione alimentare “commerciale”, consi­derata la modesta destinazione residenziale degli ambienti. In esso trovano luogo una cucina “in­dustriale” costituita da grandi spazi per la cottura di pentolame di grande dimensione alimentata a legna o carbone, ed un forno a legna.

I pavimenti attualmente esistenti e perfettamente conservati sono costituiti dalle classiche “pastine” di cemento decorato con tappeto centrale e cornice perimetrale.

All’esterno il volume rigido è arricchito dalla sequenza di portefinestre in legno e dalle modanature in pietra lavica, alcune particolarmente ricche, e da un sistema di gronda “ a cappuccine”. la superfi­cie muraria è caratterizzato da un tradizionale finitura di intonaco a “cocciopesto” con inerti lavici. Una ampia pavimentazione in cotto perimetra l’intero edificio.

Le falde dell’edificio a protezione delle volte sono costituite da orditure lignee e coppi siciliani. Il tetto si presenta discretamente ben conservato e manotenuto.

Nella parte esterna del fabbricato, l’ingresso al giardino/frutteto è disegnato da un’area terrazzata al centro del quale è ubicato un pozzo. Sono tuttora presenti numerose attrezzature agricole che fanno pensare ad una gestione organizzata del latifondo. Il giardino/frutteto confinante con la via Verga rimane tra le poche parti non cedute del latifondo ed è caratterizzato da una grande cura nella or­ganizzazione e nella scelta delle piantumazioni. Notevolissimo è il grande e ricco sistema di “saie” perfettamente conservato, l’importante sezione delle quali fa pensare ad un abbondante disponibi­lità d’acqua per l’irrigazione. Nel complesso l’immobile ed il suo giardino sono una testimonianza esemplare di una stagione storico-sociale ed economica ormai lontana in cui l’antropizzazione anche quando finalizzata alla attività produttiva e commerciale era in modo naturale orientata a risolvere in modo armonico il rapporto con il territorio. La sua conservazione e valorizzazione costituirebbe con ogni evidenza un elemento di ricchezza in un territorio che ha perso quei connotati paesaggistici e urbanistici virtuosi come conseguenza di una trasformazione caotica e speculativa priva di un rapporto organico con la sua storia.’

 – Architetto Giuseppe Parito

immagine-edison-start-definitiva

 

seconda locandina STAMPA

terza locandina STAMPA

Tiziana Nicolosi parla di Opera Commons e dell’associazione Uber nell’intervista di Salvatore Massimo Fazio per Sicily Mag

Tiziana Nicolosi parla di Opera Commons e dell’associazione Uber nell’intervista di Salvatore Massimo Fazio per Sicily Mag

«Opera Commons, filantropia culturale per importanze alternative» Articolo sul sito Sicily Mag Creato più di 5 anni fa dalla dalla sociologa e socioterapeuta catanese in una residenza familiare di Aci Bonaccorsi salvata dall’abbandono, il progetto terapeuticamente vuole produrre a partire dalla difficoltà scegliendo la via della creatività, dell’arte e della comunicazione: «Verità rivelate e altalene…

Doc video di Laura Schilirò dell’evento RETE – Presentazione evento e interviste di Radio Lab

Doc video di Laura Schilirò dell’evento RETE – Presentazione evento e interviste di Radio Lab

    Mai titolo fu più azzeccato: il nuovo evento del 29 dicembre a Opera Commons si chiama Rete e raccoglie le più svariate declinazioni della parola cultura, raccogliendo alcuni degli artisti più interessanti della scena locale. Un evento multiforme per sperimentare e mescolare linguaggi diversi, alla ricerca di nuovi stimoli culturali. L’idea dell’evento nasce…

Opera Commons 29/12/2018

Opera Commons 29/12/2018

  Opera Commons e Suq. Magazine si sono incontrati, conosciuti, entusiasmati, tra la bellezza e l’abbandono del territorio siculo, ed è in mezzo alle fratture del tempo e dei significati, agli interstizi di un’ambigua memoria-risorsa scenografica e concettuale che tessono i loro cammini, abbracciando e raccontando i luoghi, le persone, le idee, l’arte, la ricerca,…

Opera Commons inserita da Suq Magazine nella rubrica speciale ‘Il Network della bellezza’

Opera Commons inserita da Suq Magazine nella rubrica speciale ‘Il Network della bellezza’

  Sono particolarmente felice e orgogliosa per questo coinvolgimento, considerata la stima che nutro per chi sfida il mercato-mondo con piccole rivoluzioni, come quella rappresentata da un prodotto editoriale come Suq. Magazine, di alta qualità artistico-culturale che affonda radici nell’intimo siciliano, nella sua storia e nel suo sguardo alla contemporaneità socio-antropologica, con una predilezione speciale…

Opera Commons: Clustersun – Rough Enough / Area Visual: MontDoom – Seminal Pastures  23-06-2018

Opera Commons: Clustersun – Rough Enough / Area Visual: MontDoom – Seminal Pastures
23-06-2018

Opera Commons presenta:  Sabato 23 Giugno 2018   Live Concert: Rough Enough / CLUSTERSUN h 22.00 A seguire: Dj Straqquino Area Visual: MontDoom – Design & Illustration h 21.00 Seminal Pastures h 21.00 Food & Drink h 21.00 Food a cura di Ylenia d’Alessandro e Gianguido Cucè.   CLUSTERSUN I Clustersun sono considerati, in Italia…

Opera Commons: Seminal Pastures  MontDoom  09-06-2018

Opera Commons: Seminal Pastures
MontDoom
09-06-2018

Opera Commons presenta: Live Concert/Mostra-performance: Seminal Pastures h 22.00 Area Visual: MontDoom – Design & Illustration h 21.00 Food & Drink h 21.00 Food a cura di Ylenia d’Alessandro e Gianguido Cucè. Sabato 9 Giugno 2018   Discernere il benessere dal multistrato adattivo della comprensione è quello che siamo disposti a fare. In questa occasione…

Opera Commons: Basiliscus P – A Thousand Plans – Diego Lazzarin  19-05-2018

Opera Commons: Basiliscus P – A Thousand Plans – Diego Lazzarin
19-05-2018

Opera Commons presenta: Live Concert: Basiliscus P – A Thousand Plans h 22.00 Area Visual: Diego Lazzarin h 21.00 Food & Drink h 21.00 Food a cura di Ylenia d’Alessandro e Gianguido Cucè. Sabato 19 Maggio 2018 I BASILISCUS P nascono a Messina nell’inverno del 2011, inizialmente come progetto parallelo di Marco (basso, voce), Federica…

Opera Commons: Thomas Doc – Canecapovolto + Frametek / Diego Lazzarin  05-05-2018

Opera Commons: Thomas Doc – Canecapovolto + Frametek / Diego Lazzarin
05-05-2018

Opera Commons presenta: Live Concert: Thomas Doc – canecapovolto + Frametek h 22.00 Area Visual: Diego Lazzarin – h 21.00 Food & Drink h 21.00 Food a cura di Ylenia d’Alessandro e Gianguido Cucè. Sabato 5 Maggio 2018 THOMAS DOC I Thomas Doc sono una rock band catanese formatasi nel 2014. Il loro sound parte…

Opera Commons  Concerti: Violent Scenes + Demarion Area Visual: Daniele Vita + Raffaele Auteri 21/04/2018

Opera Commons
Concerti: Violent Scenes + Demarion
Area Visual: Daniele Vita + Raffaele Auteri
21/04/2018

‘Le fotografie esposte sono una selezione trasversale che attinge a molti dei miei lavori passati. Ho sempre fotografato l’infanzia, mi attrae quel periodo della vita. La felicità, la paura, la gioia e il dolore: stagioni delicate, un piccolo trauma che nasce in questa età viene portato dentro per tutta la vita. Se penso alla mia…

Opera Commons: Lumi + King Of Sad Flowers Area Visual: Daniele Vita + Raffaele Auteri 07/04/2018

Opera Commons: Lumi + King Of Sad Flowers
Area Visual: Daniele Vita + Raffaele Auteri
07/04/2018

DANIELE VITA Opera Commons presenta: Live Concert – lumi – h 22.30 Area Visual – Raffaele Rant Auteri / Daniele Vita – h 21.00 Antonio Aiello – Le sopravvissute ai nostri occhi – h 21.00 Food & Drink h 21.00 Food a cura di Ylenia d’Alessandro e Gianguido Cucè Sabato 7 Aprile 2018 LUMI Nato…